Bambini 0-5 anni

La prima infanzia 0-5 anni è un periodo di conquiste molteplici per lo sviluppo. Durante tale periodo il bambino impara a riconoscersi e ad interagire con gli adulti e i pari, acquisisce un’intenzionalità di azione e comunicativa e inizia a strutturare dei percorsi di autonomia.
In questa fase si sviluppano il linguaggio e le funzioni cognitive, le competenze motorie e la capacità di autoregolazione.
L’età 0-5 rappresenta, quindi, l’età degli apprendimenti su più livelli: motorio, cognitivo, emotivo, linguistico, sociale.
I bambini nel corso di tale periodo sono in grado di riconoscere le principali parti del corpo, su sé stessi e sugli altri, eseguono attività o movimenti su imitazione e portano a termine una consegna verbale rispetto a particolari attività o movimenti. Le azioni messe in atto tendono a produrre un risultato nell’ambiente esterno e diventano sempre più complesse, utilizzando mezzi per il raggiungimento di un fine che si avvale, a partire dai 12 mesi circa, di un coordinamento intenzionale mezzo-fine corredato dalla capacità di svolgere più azioni tra loro collegate e riuscendo, intorno ai 18 mesi, ad applicare ad oggetti o relazioni non solo schemi d’azione familiari, ma anche del tutto nuovi. Il bambino con uno sviluppo tipico nel corso della prima infanzia, dopo i 18 mesi, utilizza il pensiero simbolico e rappresentativo, l’imitazione differita e il gioco simbolico (far finta), comprendendo le cause di un evento dopo averne constatato l’effetto.
In questo periodo i bambini sviluppano le emozioni, a partire da quelle primarie, le discriminano e, dai 12 mesi, comprendono quelle altrui sufficientemente bene da intervenire in modo consolatorio quando le riconoscono negli altri.
A livello linguistico intorno ai 4-5 anni a seguito di uno sviluppo molto complesso la maggioranza dei bambini è in grado di articolare quasi tutti i suoni tipici della propria lingua, di produrre discorsi formati da più frasi, ponendo spesso nuove domande costruite simbolicamente in modo creativo e trasformando il proprio linguaggio in considerazione della persona con la quale si trova ad interagire.
Le competenze linguistiche acquisite nel corso dello sviluppo vengono integrate con quelle di interazione, sia con gli adulti che con i pari. Le seconde si arricchiscono nel secondo e terzo anno di vita. Dopo i tre anni il bambino è particolarmente attento ad imitare e ad identificarsi con l’adulto a comprendere i ruoli delle persone e dimostra buone capacità di gioco sociale.

Per i bambini 0-5 anni che hanno un percorso di sviluppo atipico lavoriamo mettendo a disposizione le nostre competenze e le nostre professionalità per diagnosi e intervento.

null

Diagnosi bambini 0-5 anni

null

Intervento bambini 0-5 anni