Il Metodo

A CuoreMenteLab lavoriamo con un approccio multidimensionale, che si rifà al modello ESSENCE di Christofer Gillberg (Early Symptomatic Syndromes Eliciting Neurodevelopmental Clinical Examinations).

ESSENCE a partire da quando è stato coniato, nel 2010, ha attirato molte attenzioni a livello internazionale e diversi studi hanno preso avvio dalla teoria di Gillberg.
Il modello fa riferimento a tutti i disordini dello sviluppo neurologico e neuropsichiatrico che si presentano con sintomi compromettenti lo sviluppo nella prima infanzia e che si trovano spesso in comorbidità tra loro.
Tali disordini comprendono molte condizioni tra le quali: Spettro Autistico, Deficit d’Attenzione e Iperattività, Disprassia e Disturbi della Coordinazione Motoria, Disturbi Specifici del Linguaggio, Spettro Bipolare.
I sintomi di tali disturbi spesso sconfinano e coincidono con quelli degli altri disturbi e i criteri diagnostici spesso si sovrappongono e si intercambiano, nell’arco della vita dell’individuo stesso. Alcune di queste problematiche, di fatto: coesistono.
Viviamo in un’epoca nella quale la pratica clinica e la ricerca hanno il loro focus nella dicotomica distinzione tra i disturbi, nella quale i professionisti tendono alla specializzazione settoriale in “solo-autismo”, “sola-iperattività”, “sola-disprassia”. Al contempo inizia a crescere la consapevolezza che la coesistenza di alcuni disturbi più che un’eccezione costituisce la regola.
Nella pratica ci si trova di fronte a famiglie e bambini che, essendo individui complessi, come tali, hanno delle necessità complesse. Mentre nella pratica spesso i bambini nello Spettro Autistico vengono separati in modo netto dai bambini con Deficit di Attenzione e Iperattività e sono inviati al trattamento per vie differenti, così come i bambini che presentano Disturbi del Linguaggio seguono un percorso differente. Eppure spesso queste condizioni sono rintracciabili contemporaneamente, in misura diversa e in configurazioni assolutamente individuali negli stessi bambini e probabilmente attengono allo stesso disordine di cui condividono cause ambientali, geni e risorse!

ESSENCE non è una nuova diagnosi, né rappresenta una rottura con il passato, ma un passo nuovo nella direzione della complessità che pone i clinici davanti all’evidenza che le categorie diagnostiche, mirate ad una singola problematica insorgente, pur così importanti da individuare, finiscono per essere considerate spesso inaccurate con il passare del tempo e necessitano di successive rivalutazioni.
ESSENCE pone l’accento sulla complessità degli individui, sui fattori di rischio comuni e sulle risorse e sposta il focus dalla specializzazione eccessiva alle configurazioni individuali.

Cosa significa questo a livello diagnostico e dal punto di vista dell’intervento?
A CuoreMenteLab crediamo che lavorare in ottica multidimensionale allarghi gli orizzonti di ogni specializzazione che prende campo nella ricerca e faciliti il raggiungimento degli obiettivi perchè significa prendere in carico completamente la persona nella sua complessità sconfinando i criteri rigidi e le competenze strette.

Tutte le persone sono un ombrello.