Gruppi PEERS – Sviluppare le abilità sociali dall’adolescenza all’età adulta

Che cos’è il programma PEERS®?

Il programma per l’educazione e l’arricchimento delle abilità relazionali (PEERS®) è stato originariamente sviluppato presso l’UCLA dalla dott.ssa Elizabeth Laugeson, fondatrice e direttrice della clinica UCLA PEERS®, e dalla dott.ssa Fred Frankel nel 2005 ed è ad oggi applicato con successo in più di ottanta paesi. Il PEERS® è un intervento manualizzato per adolescenti e giovani adulti con disturbi dello spettro autistico e altre difficoltà sociali dove ai partecipanti viene insegnato come farsi e mantenersi degli amici attraverso l’insegnamento di abilità sociali ecologicamente valide, tratte cioè analizzando scientificamente le abilità mostrate da giovani socialmente accettati. Nel corso di vari studi sulla sua applicazione il programma ha mostrato solide evidenze scientifiche con adolescenti e giovani adulti con disturbo dello spettro autistico, ma è adatto anche per bambini in età prescolare, adolescenti e giovani adulti con ADHD, ansia, depressione e altre difficoltà socio-relazionali.

Il programma PEERS di CuoreMenteLab

Il programma PEERS® originale, composto di 16 lezioni tematiche sulle abilità sociali, è stato interamente tradotto e adattato al contesto italiano dai nostri collaboratori ed ampliato in un programma che si svolgerà su base triennale all’interno del quale i vostri ragazzi saranno guidati durante il primo anno nell’apprendimento delle abilità sociali necessarie per farsi e mantenersi degli amici e per relazionarsi con i propri coetanei (importanti aggiunte rispetto al modello originale sono state fatte per quanto riguarda la comunicazione non verbale e la prosodia). Nel secondo anno i vostri ragazzi affronteranno il tema della consapevolezza di sé rispetto ai coetanei, apprenderanno le abilità sociali per avviare e mantenere relazioni romantiche e verranno educati sul tema della sessualità. Nel terzo anno saranno infine affrontate le abilità sociali necessarie per riuscire ad ottenere e a mantenersi un posto di lavoro e per sostenere i vari tipi di relazioni adulte, sia con i colleghi che con i superiori. In questo modo il programma, svolto nella sua interezza, accompagnerà i vostri ragazzi dall’adolescenza all’età adulta nello sviluppo di tutte quelle abilità necessarie per diventare adulti socialmente accettati, consapevoli e di successo.

Durante ogni sessione di gruppo, agli adolescenti vengono insegnate importanti abilità sociali e viene data loro l’opportunità di esercitarsi in sessione durante le attività di socializzazione (ad esempio, praticare sport, giochi da tavolo, ecc.).


Maggiori informazioni

Per Chi?

Il protocollo è per ragazzi a partire dai 14 anni fino ai giovani adulti

Dove?

  • Presso sede di CuoreMenteLab in Via dei Prati Fiscali 201, 00141, Roma.
  • In modalità telematica via ZOOM

Primo anno ABILITA’ SOCIALI

  1. Scambiare informazioni
  2. Conversazione a due vie
  3. i livelli di conoscenza
  4. Parlare del più e del meno
  5. Uso del telefono e comunicazione elettronica
  6. Social media e comunicazione elettronica
  7. Trovare una fonte di amici
  8. Uso appropriato della voce
  9. Uso appropriato dell'umorismo
  10. Metafore e modi di dire
  11. Come iniziare e partecipare ad una conversazione
  12. Come uscire da una conversazione
  13. Avere uno spirito sportivo
  14. Incontrarsi con gli amici
  15. Fare complimenti
  16. Esprimere le emozioni attraverso il viso: Sorpresa e Paura
  17. Esprimere le emozioni attraverso il viso: Disgusto e Rabbia
  18. Esprimere le emozioni attraverso il viso: Tristezza e Felicit
  19. Linguaggio del corpo: Incontrare gli altri
  20. Linguaggio del corpo: Ascoltare gli altri
  21. Linguaggio del corpo: Parlare agli altri
  22. Riconoscere le bugie e saper fingere
  23. Mostrarsi empatici e apparire sensibili
  24. Gli stili di comportamento 1
  25. Gli stili di comportamento 2
  26. Gestire le discussioni
  27. Cambiare reputazione
  28. Gestire le prese in giro e i commenti imbarazzanti
  29. Gestire il bullismo fisico
  30. Gestire il cyber-bullismo
  31. Minimizzare le voci e le dicerie
  32. Festa di fine anno

Secondo anno CONSAPEVOLEZZA DI SE’ E SESSUALITA’

  1. Il consumo di sostanze nei rapporti con gli altri
  2. Parlare di sessualità
  3. Gestire l'autoerotismo
  4. Sesso biologico e identità di genere
  5. Orientamento sessuale e libido
  6. Le Parafilie
  7. I ruoli
  8. Le differenze tra amore e amicizia
  9. I livelli delle relazioni romantiche
  10. Capire se piaci a qualcuno
  11. Fai sapere a qualcuno che ti piace
  12. Chiedere a qualcuno di uscire
  13. Creare un profilo su un sito per incontri
  14. il dating online
  15. Gestire il bullismo sessuale
  16. Andare ad un appuntamento
  17. Cosa fare e non fare ad un appuntamento
  18. Gestire l'inizio di una relazione
  19. Gestire i rapporti occasionale e le frequentazioni
  20. Gestire un'amicizia con benefici
  21. Parlare delle proprie caratteristiche agli altri
  22. Contatto fisico e attività sessuale
  23. Affrontare i rapporti sessuali in una relazione
  24. Gestire le amicizie durante una relazione
  25. Le MST, contraccettivi e mezzi di prevenzione
  26. Abusi e comportamenti sessuali inappropriati
  27. Consumo di sostanze e sessualità
  28. Mettere dei paletti all'interno di una relazione
  29. Il tradimento
  30. Gestire i conflitti in una relazione
  31. Gestire la fine di un rapporto
  32. Mantenere una relazione a lungo termine
  33. Festa di diploma

Terzo anno IL MONDO DEL LAVORO

illustration of web site for work in progress concept

Durata

Il gruppo ha cadenza settimanale. Ogni incontro dura 120 minuti.

Requisiti

  1. Avere un'età compresa tra i 14 anni e la prima età adulta
  2. Assenza di disabilità intellettiva
  3. Presenza di motivazione sociale
Non sei sicuro se hai i prerequisiti? Prenota l'appuntamento con i nostri terapisti e lo verificheranno loro.

Portafoglio Details

Fare amicizia, stabilire delle relazioni significative, sono abilità complesse per molti ragazzi. Con questo protocollo possiamo insegnare queste abilità in modo pratico e sistematico.

author

Davide MosconeDirettore Clinico

Comments (6)

  • Mariapia Vernile rispondere

    Ottimo progetto ma impossibile per le persone residenti in altre citta’. Potreste organizzare dei webinar? Sarebbe piu’ semplce e utile.
    Grazie
    mariapia vernile
    3348648212

    7 Ottobre 2020 a 10:06
  • Simona Loucas rispondere

    Buonasera,
    fate corsi di formazione specifici per questa metodologia o sapreste indicarmi dove effettuarli?

    7 Ottobre 2020 a 20:31
    • David Vagni
      David Vagni rispondere

      A breve inseriremo in programma la formazione (rivolta ai professionisti) per questa metodologia.

      9 Ottobre 2020 a 11:36
  • Maria Grazia Danelazzo rispondere

    Escludete i ragazzi con disabilità intellettiva lieve o grave?
    Questo mi fa pensare che gli obiettivi del vostro progetto ben definiti e puntuali saranno conseguiti utilizzando solamente l’aspetto linguistico.
    Tre ore con zoom sono tante.anche per un “normale”
    In un futuro si potrebbe pensare a qualcosa di più interattivo e più accessibile ad uno spettro più ampio.
    Grazie

    12 Ottobre 2020 a 7:48
    • David Vagni
      David Vagni rispondere

      Gentile sig.ra Danelazzo,
      La ringrazio per il suggerimento. Si, tre ore sono tante per tutti, ma i nostri operatori sono molto abili nel coinvolgere i ragazzi e dall’esperienza abbiamo visto che sono necessarie. Il protocollo nasce ovviamente per essere svolto dal vivo, lo abbiamo adattato (e testato) in modo che sia accessibile a persone che vivono in posti per i quali raggiungerci è difficile e affinché sia fruibile in questo momento di crisi sanitaria.
      Per quanto riguarda i ragazzi con disabilità intellettiva, i protocolli, il modo di tenere i gruppi e le attività necessarie affinché possano usufruirne a pieno e sviluppare il loro potenziale, sono diverse. Non avrebbe senso fare terapia insieme (in questo caso) a ragazzi con profili di abilità troppo differenti tra loro, alla fine nessuno ne trarrebbe beneficio.

      12 Ottobre 2020 a 18:03

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *